Ouarzazate: secondo giorno

22 aprile 2014
Ouarzazate

Freddo glaciale e caldo infernale nel giro di un’ora?

Bene, oggi ci siamo tolti anche questo sfizio passando dall’Atlante innevato al deserto roccioso infuocato in quel di Ouarzazate, sede peraltro degli “Atlas Studios” e del set cinematografico del Trono di Spade, più un’altra serie di film famosi di cui non vi sto a parlare ma tra i quali la faceva da padrone il francese Asterix con la riproduzione di piramidi egizie a grandezza naturale…
Per fortuna che all’ingresso c’erano una Ferrari di plastica ed un F16 di cartapesta che nella loro mediocrità superavano di gran lunga in bellezza il pessimo film d’oltralpe!
Ma come ci siamo arrivati qui? Grazie al nostro autista e guida Ahmed, famoso poliglotta Marocchino parlante solo Arabo smussato da un pò di Francese, con il quale non siamo riusciti a farci capire neanche a gesti ma che accettava di buon gusto gli anacardi comprati ieri nel suq!
Fortuna che non ci perdiamo facilmente d’animo, e dopo più di 300km percorsi a 50 all’ora siamo sempre più vicini alle dune di Merzouga, meta ultima del nostro piccolo itinerario marocchino.

altre letture interessanti

nessun commento

rispondi